Storia del gruppo

Produciamo contenitori in vetro da 108 anni. Il Gruppo si è espanso attraverso acquisizioni strategiche e fusioni, grazie a progressi tecnologici e alla conquista di nuovi mercati. Cresciamo sulla base dell’esperienza maturata.

1911

Fondazione della Verrerie S.A. St-Prex

La cittadina di St-Prex si trova nel cuore della regione vinicola del Lac Léman. Nel 1911 Henri Cornaz fonda proprio qui la Verrerie S.A. St-Prex, la vetreria da cui è nato il Gruppo Vetropack. Oggi questo stabilimento è specializzato nella produzione di imballaggi in vetro di colore verde, giallo (Feuille-morte) e marrone scuro (Cuvée) e produce prevalentemente bottiglie per i produttori svizzeri di vino, liquori e birra.

 

1913

La Verrerie S.A. St-Prex rileva la vetreria fondata nel 1776 sopra Vevey e la chiude dopo un anno. Il personale e i mezzi di produzione vengono trasferiti a St-Prex.

1917

La Verrerie S.A. St-Prex acquista il pacchetto di maggioranza della vetreria Bülach AG fondata nel 1891.

1930

Viene installata e messa in servizio la prima grande soffiatrice automatica, una macchina di produzione americana. Dieci anni dopo vengono installati i primi forni di raffreddamento elettrici per ovviare alla crescente difficoltà di reperimento del carbone.

1948

L’azienda Müller + Krempel AG di Zurigo, specializzata nella commercializzazione di vetro per l’industria farmaceutica, flaconi e apparecchiature di laboratorio, rileva la vetreria di Wauwil, fondata nel 1933, poiché dopo il 1945 era praticamente cessata la fornitura di prodotti in vetro dalla Turingia e dall’ex Cecoslovacchia.

1959

Con l’acquisizione della società commerciale Müller + Krempel AG, proprietaria della vetreria di Wauwil, la Verrerie S.A. St-Prex diventa leader di mercato in Svizzera nel settore del vetro per imballaggi.

Gli stabilimenti Siegwart di Küsnacht e Hergiswil, anch’essi specializzati nella produzione di imballaggi in vetro, vengono chiusi dalla concorrenza nel 1972 e quindi rilevati da Roberto Niederer nel 1975 e trasformati in vetrerie artigianali per la produzione di collezioni artistiche.

1966

Viene fondata Vetropack AG, con sede a Bülach, come centrale di acquisto e gestione cui faranno capo i tre stabilimenti di St-Prex, Bülach e Wauwil, che fino a quel momento avevano operato sul mercato come entità indipendenti; viene inoltre introdotto per tutti i siti il logo Vetropack, che verrà utilizzato come marchio commerciale.

1969

Con la fondazione di Vetropack Holding AG vengono riuniti sotto lo stesso tetto i tre stabilimenti con personalità giuridica distinta e la Müller + Krempel AG.

1974

Sul mercato si affermano sempre più gli imballaggi monouso. Per riuscire a riciclare in modo razionale la crescente quantità di vetro usato nei propri stabilimenti, Vetropack organizza in Svizzera, a livello nazionale, la raccolta del vetro usato e fonda a tale scopo la società di gestione Vetro-Recycling AG. Nel 2009, la Vetro-Recycling AG viene fusa con Vetropack AG e trasformata in una divisione a sé stante della nuova entità.

1981

In seguito alla saturazione del mercato degli imballaggi in vetro, Vetropack si diversifica nel settore degli imballaggi in plastica, rilevando la Wirth-Plast AG nel 1981 e poi la Afex Folien AG nel 1985. Nel 1986 viene avviata la produzione di bottiglie in PET, in seguito estesa agli imballaggi in plastica per l’industria farmaceutica e cosmetica con l’acquisizione di Femit nel 1987. Nel 1993 viene venduta la divisione delle pellicole per imballaggio. Nel 1996, a seguito dell’espansione geografica, Vetropack sospende la produzione di bottiglie in PET.

1986

Con l’acquisizione dello stabilimento di Pöchlarn, in Bassa Austria e la creazione di Vetropack Austria GmbH, Vetropack dà inizio alla sua espansione geografica. Il sito di Pöchlarn, ubicato nei pressi della valle di Wachau, dispone di due vasche di fusione, per una capacità produttiva complessiva giornaliera di 470 tonnellate di vetro per imballaggi.

1991

Vetropack rileva la vetreria di Kyjov, nella Moravia meridionale e la trasforma in Vetropack Moravia Glass, a.s., uno stabilimento moderno nell’area economica centro-europea. Nello stabilimento ceco sono oggi operative due vasche di fusione che consentono una capacità produttiva giornaliera di 670 tonnellate di vetro per imballaggio.

1993

Vetropack acquisisce la vetreria Lutzky Glas ubicata nel comune di Kremsmünster, nell’Austria Superiore, e la integra all’interno di Vetropack Austria GmbH come filiale. Lo stabilimento dispone di tre vasche di fusione e di una capacità complessiva giornaliera pari a 670 tonnellate.

1993

In seguito all’ampliamento della vasca di fusione di Bülach, avvenuto nel 1991, all’aumento delle capacità in Austria e alla sostituzione del vetro, a livello locale, nell’industria delle acque minerali e delle bibite, viene interrotta la produzione di vetro per imballaggi e per l’industria farmaceutica presso lo stabilimento di Wauwil. Al contempo, nell’area dell’ex vetreria viene avviata la produzione di bottiglie in PET. Da questo momento, la società Handelshaus Müller + Krempel AG fornirà imballaggi in vetro all’industria farmaceutica.

1995

Nell’ambito dell’adeguamento della struttura giuridica all’ampliata gamma di attività, Vetropack Holding AG opera come holding gestionale. Vetropack AG, che fino a quel momento si era occupata della gestione del Gruppo, diventa la società svizzera di commercializzazione per gli stabilimenti, precedentemente integrati, Verrerie S.A. St-Prex e Glashütte Bülach AG. I servizi interni e l’attività di consulenza esterna vengono affidati alla nuova società Vetroconsult AG.

1996

Nel processo di espansione verso l’Europa orientale, iniziato nel 1991, Vetropack acquisisce una partecipazione di maggioranza nella Vetreria Straža di Hum na Sutli, in Croazia. Lo stabilimento viene completamente modernizzato dal punto di vista tecnico, certificato in base allo standard ISO 9001 come tutti gli altri siti Vetropack e organizzato in modo tale da soddisfare la crescente domanda dell’Europa centro-orientale. Lo stabilimento dispone di tre vasche di fusione e di una capacità produttiva giornaliera di 790 tonnellate.

2002

Alla fine di febbraio del 2002, dopo 111 anni di attività, lo stabilimento di Bülach cessa la produzione. Causa della chiusura dell’attività è il crollo dei prezzi, dovuto all’internazionalizzazione dei mercati di sbocco e il livello generalmente elevato dei costi in Svizzera. L’approvvigionamento del mercato svizzero viene garantito dallo stabilimento di St-Prex e dai siti Vetropack in Austria.

2002

Vetropack continua la sua strategia di espansione geografica nei Paesi dell’Europa orientale e il 5 novembre 2002 rileva la Vetreria Skloobal, a.s. di Nemsová, in Slovacchia, diventando così leader sul mercato slovacco. Al tempo stesso, grazie all’ampliamento delle proprie attività in un contesto economico in crescita, il Gruppo riesce a consolidare ulteriormente la propria posizione nell’industria europea del vetro per imballaggi.

2006

Nel febbraio del 2006 Vetropack acquista il pacchetto di maggioranza della vetreria ucraina Gostomel Glass Factory. Con una capacità di fusione di 600 tonnellate giornaliere, lo stabilimento ubicato nell’area di Kiev è uno dei principali produttori di vetro in Ucraina.

2015

Nel luglio del 2015 Vetropack acquisisce lo stabilimento italiano di Trezzano sul Naviglio e lo integra all’interno della struttura organizzativa esistente con il nome di Vetropack Italia S.r.l. Lo stabilimento dispone di due vasche di fusione e produce annualmente circa 140.000 tonnellate di vetro per imballaggi. Grazie a questa acquisizione, Vetropack rafforza la propria posizione sull’importante mercato italiano in modo sostenibile.