Fuoco e sabbia

[Translate to Italian:] Glass production

«Il cammino verso il traguardo inizia il giorno in cui ti assumi la piena responsabilità delle tue azioni.» (Dante Alighieri)

Nello svolgimento di tutte le nostre attività seguiamo il criterio della sostenibilità e del conseguimento di risultati a lungo termine: gestiamo le nostre risorse in maniera accorta, agiamo in modo responsabile verso l’ambiente e riconosciamo la nostra responsabilità sociale. Verso la metà degli anni ’70, ad esempio, abbiamo avviato un’iniziativa pionieristica sviluppando un sistema per il riciclaggio del vetro. Continuiamo a perfezionare le nostre tecnologie di processo nella consapevolezza che qualunque innovazione può migliorare il bilancio energetico della produzione. Con 4,5 miliardi di tonnellate di vetro lavorate ogni anno, ogni singolo grammo diventa importante. 

Ricetta per produrre in modo sostenibile vetro della migliore qualità

Il vetro è costituito da elementi naturali. Quello presente in quantità maggiore è la sabbia di quarzo. La soda abbassa il punto di fusione della sabbia di quarzo. La calce conferisce al vetro durezza, lucentezza e resistenza. 
Tuttavia in Vetropack il ruolo principale lo svolge il vetro usato trattato. La produzione di vetro con materiale riciclato richiede l’utilizzo di meno energia e meno risorse naturali rispetto a una produzione che impieghi materie prime primarie quali sabbia, calce e soda. Inoltre esistono procedimenti specifici che consentono di rendere il vetro più leggero, pur mantenendone invariata la qualità.

Raw material for glass production
Fino al 90% di vetro usato, oltre a
  • dolomite
  • calce (ossido di calcio)
  • feldspato
  • sabbia di quarzo
soda
Glass melting
Fusione

Il forno riscalda la miscela portandola a 1580°C. Il vetro usato e le materie prime primarie si fondono. Il calore necessario per la fusione viene generato utilizzando il gas naturale come fonte energetica.

Formatura

Il vetro fuso scorre in una colata continua, dalla quale vengono tagliate delle gocce. Queste ultime vengono convogliate nel canale di colata e quindi verso la preforma. E’ all’interno dello stampo che l’aria compressa conferisce al contenitore in vetro la sua forma definitiva.

Glass cooling
Raffreddamento

I vasi e le bottiglie di vetro ancora incandescenti entrano nel forno di ricottura, dove vengono lentamente raffreddati al fine di ridurre le tensioni interne al materiale. Da ultimo, la superficie del vetro viene sottoposta a un trattamento antigraffio.

Glass testing
Controllo qualità

Nella zona fredda della produzione i nostri contenitori in vetro vengono sottoposti a un controllo di tipo visivo, meccanico ed elettronico mirato a individuare gli eventuali difetti. Gli articoli che non soddisfano gli standard di qualità più elevati vengono scartati e fusi nuovamente. 

Glass packing
Imballaggio

I contenitori in vetro vengono automaticamente posizionati sui bancali e avvolti con pellicola plastificata. Gli articoli così imballati vengono infine trasportati nel magazzino prodotti finiti oppure direttamente nell’area spedizioni.

Noi ci assumiamo responsabilità per l'ambiente: Il vetro leggero di Vetropack

Nella versione leggera, una bottiglia per vino da 0,75 litri pesa solo 350 grammi invece di 400, mentre una bottiglia piccola per birra pesa solo 160 grammi, ovvero 30 grammi in meno rispetto alla variante tradizionale. E questa riduzione di peso non va a vantaggio soltanto del consumatore finale, ma anche dell’ambiente: meno materie prime, minor consumo di energia e materiali, costi di trasporto più contenuti, emissioni di CO2 ridotte.
A beneficiare di questa nuova ‘leggerezza’ sono gli imbottigliatori, i distributori, i consumatori e l’ambiente.

Noi ci assumiamo responsabilità per la qualità: La conoscenza, l’esperienza e il know-how di Vetropack

Le nuove tecnologie produttive, l’assistenza alla clientela, la progettazione, lo sviluppo del prodotto e il controllo della qualità sono affidati ai nostri oltre 3.000 dipendenti.

Si tratta di uomini e donne con competenze specifiche nelle rispettive aree operative – artigiani del vetro, progettisti, tecnici di processo, tecnici della lavorazione del vetro, responsabili di reparto e operatori addetti alle macchine – che verificano, mettono a punto e monitorano le fasi di produzione certificate (ISO, FSSC), garantendo così la massima qualità e l’omogeneità di quest’ultima, nella produzione.


Utilizziamo processi ormai consolidati per produrre vetro leggero che sia tanto stabile, di pregio e robusto quanto lo sono le corrispondenti tipologie più pesanti. Invece del tradizionale procedimento soffio-soffio, per il vetro leggero utilizziamo il metodo presso-soffio nella variante ‘a imboccatura stretta’: per far sì che le pareti del contenitore abbiano uno spessore il più possibile omogeneo e sottile, viene inserito ancora nella preforma un pistone -il cosiddetto ‘corpo galleggiante’-, che penetra nella massa di vetro liquido e la comprime.

Prima della produzione c’è la fase progettuale, determinante per garantire un’elevata stabilità del vetro leggero. I progettisti dei contenitori in vetro scompongono a video i corpi di vetro in unità più piccole, il cui comportamento strutturale può essere descritto più facilmente rispetto a quello del corpo intero. Basandosi sul metodo degli elementi finiti , essi calcolano in quali punti il contenitore è soggetto a sollecitazioni particolari e ne adattano la forma in modo tale da ridurle.

Flexible multi gob glass production technology

Noi ci assumiamo responsabilità per i nostri clienti: Produzione multi-goccia flessibile 

I desideri hanno un effetto positivo, perché contribuiscono a cambiare il mondo. I nostri clienti desiderano tempi di produzione sempre più brevi e molta flessibilità in termini di quantitativi nei lotti di produzione.

Grazie a un’attenta pianificazione della produzione, a una stretta collaborazione fra i diversi stabilimenti e a una notevole flessibilità, siamo in grado di soddisfare quasi tutte le richieste dei nostri clienti. In particolare per le serie limitate, lo stabilimento Vetropack in Croazia –e dall’inizio del 2017 questo varrà anche per l’unità produttiva di Pöchlarn, in Austria– offre la possibilità della produzione multi-goccia. Ciò significa che con un’unica unità soffiatrice è possibile produrre contemporaneamente due –e in alcuni casi anche più– contenitori in vetro di forma e peso diversi. Una speciale unità di smistamento convoglia automaticamente i diversi articoli verso le rispettive aree di controllo qualità e imballaggio.